Le tasse del museo dell'11 settembre non turbano i visitatori

Giovedì è stato il primo giorno in cui il National September 11 Memorial Museum è stato aperto al pubblico.

MARY LARSON e la sua famiglia erano venuti a New York City da Erie, Pennsylvania, questa settimana per la laurea di suo figlio. Marlena e Edgar Dupre erano arrivati ​​in aereo da San Antonio per imbarcarsi su una crociera. Peter e Kirsten Abitz, dalla Danimarca, erano in vacanza, così come Linda Christeaen dal Belgio. I circa 40 studenti della Greenwich High School nel Connecticut avevano preso un autobus per la giornata grazie in parte ai soldi raccolti dal PTA.

Hanno passato tutti la mattinata al Museo commemorativo nazionale dell'11 settembre giovedì, primo giorno in cui il museo, dopo una settimana di anteprime e gratuità sponsorizzate, è stato aperto ai clienti paganti.

La maggior parte aveva sentito il flusso continuo di lamentele: il prezzo di ammissione fino a 24 dollari; l'inclusione di un negozio e di un bar all'interno; l'ubicazione dei resti non identificati delle vittime nel sito; la decisione di ospitare martedì sera un raduno per i donatori.



Ma quando sono usciti dal museo sulla piovosa piazza commemorativa, i visitatori volevano principalmente parlare di quanto fossero colpiti e commossi.

Ne è valsa la pena il nostro tempo e denaro, ha detto la signora Dupre, che ha pagato la quota di ammissione di $ 18 per gli anziani. Suo marito portava una busta di plastica nera con tre magliette per i nipoti e una spilla comprata per un amico che fa il pompiere in Texas.

Una nuova storia raccontata a Ground Zero

Una visita guidata al Museo Nazionale della Memoria dell'11 settembre.

Le persone che vengono qui vogliono dare qualcosa, ha detto la signora Dupre, riferendosi alle entrate generate dal negozio del museo.

Anche Jerry e Cyndy Mason, di Surprise, Arizona, non erano d'accordo con le critiche sul prezzo di ingresso e sul negozio. In quale altro modo lo manterranno? ha detto la signora Mason, che ha comprato una maglietta da 22 dollari. Chi si oppone sarà anche il primo a lamentarsi se qualcosa non funziona per mancanza di manutenzione.

non mi piace il Museo commemorativo dell'Olocausto degli Stati Uniti e la National Gallery di Washington, che offrono l'ingresso gratuito, il museo dell'11 settembre non riceve alcun finanziamento federale per coprire nessuno dei suoi 63 milioni di dollari di budget operativo annuale, ha affermato Michael Frazier, un portavoce del museo.

Né riceve denaro dallo stato o dalla città. Il museo riceve fatture, tuttavia. Si prevede che le utenze gestiranno circa $ 7,5 milioni all'anno; la sicurezza costa $ 10 milioni, mentre quasi $ 4 milioni sono destinati alle collezioni e alle mostre. La raccolta fondi privata dovrebbe coprire circa il 30% del totale; il resto deve essere guadagnato dai biglietti e dalla vendita al dettaglio, secondo il signor Frazier.

Queste vendite includono merce venduta al museo e online, come una tazza da $ 10,95, un ombrello da $ 35 e una felpa con cappuccio da $ 39 con le insegne del dipartimento di polizia e dei vigili del fuoco. Sebbene alcuni parenti delle vittime e politici abbiano criticato il museo per il grossolano commercialismo, il Museo e memoriale nazionale di Oklahoma City , che commemora l'attentato terroristico del 1995, ha anche un negozio del museo. Vende articoli simili, tra cui magliette, tazze, portachiavi, calamite e cani da salvataggio per cuccioli di peluche. Lo stesso vale per il museo dell'Olocausto, che presenta libri e film, nonché magneti e magliette con il logo del museo.

Nel 2011 è stato presentato un disegno di legge co-sponsorizzato dal senatore Daniel Inouye delle Hawaii per dare al museo 20 milioni di dollari per i costi operativi, ma la proposta è scaduta dopo la morte del senatore Inouye nel 2012.

Immagine

Credito...Ozier Muhammad/The New York Times

Una tassa di $ 24 per gli adulti e $ 15 per gli studenti dai 7 ai 17 anni non è in linea con quanto addebitato da altri musei di New York e altrove. Il Museum of Modern Art, ad esempio, addebita $ 25 per un adulto e $ 14 per gli studenti. L'American Museum of Natural History addebita $ 22 per gli adulti e $ 12,50 per i bambini sotto i 13 anni. Film e mostre speciali, come l'Hayden Planetarium Space Show, sono un costo aggiuntivo.

A New Orleans, il National World War II Museum fa pagare $ 22 per gli adulti e $ 13 per gli studenti. Il museo di Oklahoma City fa pagare $ 12 per gli adulti. A Pearl Harbor, nelle Hawaii, gli Stati Uniti L'Arizona Memorial, che segna il luogo di riposo di oltre 1.000 membri dell'equipaggio, è gratuito, ma i visitatori devono pagare $ 25 per accedere al Pacific Aviation Museum a Ford Island, dove si trovano gli hangar per idrovolanti della seconda guerra mondiale.

La signora Christeaen ha detto che rispetto ai musei in Belgio, pensava che la tassa di $ 24 fosse piuttosto economica.

Il museo dell'11 settembre offre l'ingresso gratuito il martedì sera dalle 17:00 alle 20:00. Una recente donazione di 2,3 milioni di dollari dall'Helmsley Charitable Trust significa che i gruppi scolastici di New York City possono visitare gratuitamente per il prossimo anno, ha affermato Frazier.

Gli studenti quindicenni delle superiori di Greenwich erano troppo giovani per ricordare gli attacchi del 2001, quindi questa era la prima volta che venivano esposti ad alcune delle immagini e delle registrazioni dell'attacco. Per Cholo Cruz, ascoltare i messaggi vocali delle persone intrappolate che fanno chiamate di addio e vedere il video del crollo delle torri ha avuto l'impatto maggiore. Per Dylan Pollack, le fotografie delle persone che si lanciavano dalle finestre delle torri in fiamme erano difficili da scattare.

La maggior parte delle persone che hanno fatto una visita mattutina ha trascorso lì da una a due ore. Alcuni se ne sono andati perché avevano un autobus da prendere; altri hanno appena raggiunto il loro limite. È stato emotivamente estremamente estenuante, ha detto Jack Haskell, che era in visita dal New Hampshire con sua moglie, Peggy. Volevo sollievo, ma mi piacerebbe tornare qualche volta.