Settimana della Fiera dell'Armeria: la tua guida di sopravvivenza

Le fiere d

Anche se non vai mai in gallerie o musei, dovresti provare una fiera d'arte. Esponiti all'arte ad alte dosi e vedi se serve.

Alte dosi è ciò che abbiamo ora, durante l'Armory Week - la Fleet Week delle fiere d'arte - con dieci in arrivo, che riuniscono una straordinaria concentrazione di opere d'arte, commercianti privati ​​e gallerie da tutto il mondo e assediano brevemente la scena artistica più densa del mondo. E tutte tranne una di queste fiere — la Fiera Internazionale del Libro Antiquario al Park Avenue Armory — è dedicato alle opere contemporanee.

[ Leggi di più sulla Fiera del Libro Antiquario. ]



I confab giocano con gusti e portafogli vari, mentre variano in termini di qualità da blue-chip a meno di no-chip - una misura del mercato, non del valore estetico. Sono sistemati in tutta la città e in alcune strane nuove posizioni, incluso il cuore di Chelsea, tra le gallerie di David Zwirner , e in un condominio a United Nations Plaza. Da gratis a un massimo di 57 dollari - circa il costo di una bella cena e un buon bicchiere di vino a New York - puoi assaggiare da pochi spartiti a un paio di centinaia di gallerie in azione, che mostrano opere di uno o due artisti o una selezione, tra cui i galleristi di talenti emergenti sperano che prenda piede.

Quella che segue è una breve guida di sopravvivenza alle fiere d'arte, completa di indicazioni per la ricerca; consigli di etichetta per parlare con i rivenditori; modi per affrontare l'argomento sempre scomodo del denaro e come vestire la parte senza avere i piedi doloranti. Per quanto riguarda le fiere da vedere, continua a leggere per i momenti salienti.

L'ascesa delle fiere come forza irresistibile nell'arte contemporanea è iniziata con l'Armory Show a metà degli anni '90. Oggi sono considerati una benedizione mista, dannosa per le gallerie che tuttavia sono arrivate a dipendere da loro, mentre le fiere, a loro volta, dipendono dalle gallerie. Il ritornello frequente è che i collezionisti sono stati sedotti dalla convenienza dello shopping one-stop delle fiere, che drena gallerie di denaro, energia e visitatori, anche se vendono a piene mani. Uno stand fieristico può costare a un espositore da $ 15.000 a $ 50.000, e ciò non tiene conto di spese di spedizione, hotel o voli. Tuttavia, il formato della fiera d'arte sembra essere infinitamente malleabile e commercianti e artisti respingono costantemente, presentando nuove varianti . Per il resto di noi, le fiere sono un'educazione - depositi, se non inondazioni - di nuove informazioni riguardanti gallerie, opere d'arte e artisti emergenti. La prima volta, possono sentirsi come se fossi saltato nel profondo. Le tue ali d'acqua sono i tuoi occhi e il tuo cuore.

Immagine

Credito...tramite Parker Gallery

Tutti dovrebbero vivere con l'arte che amano e l'amore può accadere alle fiere d'arte, anche se sono l'equivalente estetico dello speed-dating. Prima di considerare l'acquisto, guarda e guarda in profondità. Non puoi sospendere le cose a lungo e, a differenza dell'acquisto all'asta, non avrai tempo per consultare un esperto o qualcuno di cui ti fidi. Una galleria rispettabile ti permetterà di vedere la provenienza, se l'opera ne ha una. Quindi, se desideri qualcosa e te lo puoi permettere, fai il grande passo.

La mancanza di etichette per le opere d'arte può indicare la decisione di una galleria che il loro stand abbia un aspetto migliore senza di esse. A volte i rivenditori lo fanno per il desiderio di incontrare potenziali clienti e rispondere direttamente alle loro domande. Nota per i commercianti: anche i nomi degli artisti scritti a matita sul muro aiuterebbe ad accelerare il flusso di informazioni e visitatori.

Le fiere danno accesso ai commercianti e, in alcuni casi, agli artisti stessi, ma dovrebbero essere viste come un'esperienza introduttiva, un modo per iniziare a frequentare le gallerie.

Indossa scarpe e vestiti comodi, preferibilmente. Portare acqua e snack. Non è mai divertente fare la fila e poi dover pagare prezzi relativamente alti.

Arriva la mattina prima che la folla raggiunga il culmine.

Mantieni le espressioni di sfinita stanchezza del mondo dalla tua faccia ed evita il Huh? Anche questa è arte? Guarda. Non chiedere prezzi a meno che tu non sia seriamente interessato all'acquisto. Per quanto riguarda l'altra domanda: quest'opera d'arte aumenterà di valore? — un buon commerciante dovrebbe rispondere Non lo so e forse, Non è un motivo per comprare.

La madre di tutti, con l'arte moderna e contemporanea, questa fiera è in ripresa. Fondato nel Gramercy Hotel nel 1994, ha occupato i Pier 92 e 94 sul fiume Hudson dal 2001. Quest'anno ha aggiunto il Pier 90 dopo che la debolezza strutturale determinata dalla città aveva reso il Pier 92 per lo più inutilizzabile. All'inizio degli anni 2010, l'Armeria si è ampliata e la qualità della fiera è diminuita. Ma sta cercando di rialzarsi, imparando, e allo stesso tempo, competendo con la più giovane Frieze Art Fair (a maggio). L'Armeria ha ridotto negli ultimi anni da 300 gallerie alle 198 di quest'anno, in rappresentanza di 33 paesi. Ha anche potenziato i suoi ristoranti e snack bar, la programmazione e le opzioni lounge. In occasione del suo 25° anniversario, ha dato vita al Gramercy International Prize, che sostiene una galleria newyorkese giovane e pionieristica che non ha ancora partecipato alla fiera. Il premio inaugurale — uno stand a costo zero — è andato alla galleria Ramiken (conosciuta originariamente come Ramiken Crucible), di ritorno a New York dopo un breve soggiorno a Los Angeles.

[ Leggi la nostra recensione dell'Armory Show. ]

A $ 52 a $ 57, il biglietto d'ingresso all'Armeria è il più costoso. Quello che otteniamo per il prezzo è un mondo a sé stante, un luogo in cui si spera che un visitatore trascorrerà un'intera giornata e più soldi. 6-10 marzo; sulla 12th Avenue, da West 50th Street a West 55th Street; thearmoryshow.com

Immagine

Credito...Jeff Bliumis

Fondata nel 2009, questa fiera guidata da un curatore è stata, come suggerisce il nome, la più giovane, la più chiassosa e la più egualitaria delle fiere di New York. Spring/Break è anche essenzialmente nomade, noto per abitare in spazi fatiscenti in modo non convenzionale come gli uffici dai soffitti alti nel James A. Farley Building (ex General Post Office). La location di quest'anno, al secondo piano dell'866 United Nations Plaza, è più piccola del solito, il che ha costretto lo Spring/Break a essere più selettivo, ridimensionandosi a circa 90 partecipanti dai 140 dello scorso anno. Mentre alcune gallerie commerciali partecipano, la maggior parte di Spring/Break è dedicata ad artisti emergenti che sono stati proposti da altri artisti o curatori indipendenti. Questo scrittore è riuscito a dare una sbirciatina lunedì, che ha confermato che la fiera rimane il luogo dove trovare nuova arte. Il tema di quest'anno è Fact and Fiction, che ha senso data la marea crescente dell'arte figurativa. $ 20; 5-11 marzo; springbreakartshow.com

C'è più di un modo per rompere gli schemi delle fiere d'arte, e l'Indipendente soave e talvolta dolorosamente alla moda ne è un esempio. Elegantemente progettato con pareti ma senza cabine a 50 Varick Street a TriBeCa, ha circa 60 partecipanti e un'atmosfera da club. L'inclusione è una forma di unzione. Un tema nella formazione dell'Independent è rappresentativo (e conservatore) che si discosta considerevolmente dal suo caratteristico aspetto cool: Surrealismo e momento di iperrealismo. L'Indipendent potrebbe usare più succo, ma salta dentro. $ 29; 7-10 marzo (apertura al pubblico 8 marzo); indipendentihq.com .

Immagine

Credito...Artists Rights Society (ARS), New York/ADAGP, Parigi; tramite piano B

Precedentemente conosciuta come Volta New York, questa fiera pop-up improvvisa è la storia di benessere del ciclo fieristico 2019 di New York. Si è unito rapidamente quando Volta, di solito al molo 90, è stato costretto a cedere il suo spazio agli abitanti del molo 92 dell'Armory Show dopo che la città ha stabilito che il molo non era sicuro. Il collezionista Peter Hort, insieme a David Zwirner e Quang Bao della 1969 Gallery sul Lower East Side, guidò una missione di salvataggio, e ne emerse il Piano B, con circa 30 partecipanti Volta invitati alle gallerie di Mr. Zwirner al 525 West 19th Street e al edificio di proprietà della Paula Cooper Gallery al 534 West 21st. E chissà, il signor Hort e compagnia potrebbero aver inavvertitamente inventato un nuovo modello: una fiera d'arte circondata da decine di gallerie d'arte. Libero; 6-9 marzo; nessun sito web

Con circa 100 gallerie, questa è la più grande delle fiere della Armory Week ad offrire l'ingresso gratuito, un compenso per la sua posizione relativamente remota, il molo dell'East River precedentemente utilizzato dalla NADA (Pier 36, 299 South Street). Cinque anni, è dedicato a tutto ciò che riguarda la carta: dai commercianti di disegni, stampe e occasionalmente fotografie alle grandi installazioni su carta. Questi, e le cabine ordinate e i corridoi tappezzati, suggeriscono un mini spettacolo dell'armeria. (Quest'anno ospita nove gallerie di Volta.) Libero; 7-10 marzo (apertura al pubblico 8 marzo); thepaperfair.com/ny

Scope è una fiera veterana di medio livello che si rivolge a gallerie con poca o nessuna esperienza nel settore. Presenterà 57 gallerie al Metropolitan Pavilion (125 West 18th Street) principalmente dall'Europa e dagli Stati Uniti. È una fiera dal cuore grande, che utilizza borse di viaggio e premi per i programmi per attirare alcuni partecipanti. $ 25; 7-10 marzo (apertura al pubblico 8 marzo); scope-art.com

Immagine

Credito...Greg Breda e la Galleria Patron

Un punto fermo dell'Armory Week, NADA ha sospeso la sua fiera di New York quest'anno, optando per quella che chiama una galleria aperta. Sessantatre gallerie membri locali stanno portando avanti affari ed esposizioni ai loro soliti indirizzi; La NADA fornisce mappe mostrando luoghi, elencando spettacoli e organizzando anche una settimana di visite guidate e conferenze di artisti. Se le fiere d'arte non fanno per te, questo è un buon modo per scoprire alcune delle migliori gallerie di piccole e medie dimensioni, specialmente nel Lower East Side, dove sono raggruppati più di due terzi. Libero; 4-10 marzo; newartdealers.org

Presentandosi come l'Anti-Fair for Independent Artists, CLIO, fondata nel 2014, ha per lo più eliminato i rivenditori e lavora direttamente con artisti di tutte le età provenienti da tutto il mondo che non hanno una rappresentanza di New York. Quest'anno occuperà uno spazio al piano terra ai margini di Chelsea: 550 West 29th Street. Fa pagare agli artisti la quantità di spazio sul muro o sul pavimento che usano e, senza cabine, assomiglia a una mostra. È quasi garantito che questa affollata presentazione sarà piena di nuovi nomi, il che non significa necessariamente che il lavoro sembrerà nuovo. Gratuito il venerdì, $ 18 il sabato e la domenica; 7-10 marzo (apertura al pubblico 8 marzo); clioartfair.com

Questa potrebbe essere la fiera d'arte più piccola e più longeva di New York. Ora ha 21 anni, occupa un'unica galleria NoHo (33 Bleecker Street) il cui spazio modesto trasuda un'imprudenza funky d'altri tempi. Quest'anno Zürcher ospiterà tre gallerie europee e opere di due artisti di New York. È una fiera per i fobici della fiera o per gli appassionati che non amano camminare. C'è sempre qualcosa qui - forse solo una cosa - che ti rende felice di aver visitato. Libero; 4-10 marzo; galeriezurcher.com