Gallerie gestite da artisti sfidano la tendenza dei mega rivenditori a Los Angeles

Piccoli e intraprendenti artisti-rivenditori stanno fiorendo anche se dominano le grandi gallerie. Ma insieme al suo fascino scadente, il modello presenta alcune sfide.

Adam D. Miller e Devon Oder, gli artisti che gestiscono il Pit, una galleria d

LOS ANGELES — La galleria M+B ha esaurito la sua mostra di paesaggi surreali e screziati di nuvole di Leo Mock durante l'estate. L'opera era enigmatica, con immagini di lunghe gambe simili a uccelli che attraversavano i dipinti. Anche la biografia ufficiale dell'artista era misteriosa, dicendo solo che il signor Mock si era laureato in ArtCenter College of Design e vive e lavora a Los Angeles.

Ma quelli che sapevano presto scoprirono che Leo Mock era in realtà l'alias di un certo Steve Hanson, un mercante d'arte locale che portava avanti la sua carriera secondaria. Leo era il nome di suo zio; Mock, il nome da nubile di sua madre, ma funziona anche come un colpo al mercato dell'arte: alla gente non piacciono gli artisti che hanno due carriere, ha affermato Hanson, uno dei fondatori della pionieristica galleria di Chinatown. Oggetti d'arte cinese . Sono un vecchio punk rocker e tutti quei musicisti prendono pseudonimi, ha spiegato al telefono.



Immagine

Credito...Ed Mumford

Come esporre il proprio lavoro è solo una delle sfide che devono affrontare gli artisti che aprono bottega come commercianti, una tradizione radicata che sta fiorendo in questi giorni in questa città ossessionata dall'arte. Un altro è destreggiarsi tra le esigenze di fare arte mentre si gestisce una galleria, due carriere non note per flussi di entrate affidabili. Ma un numero sorprendente di artisti a Los Angeles ha comunque aperto spazi commerciali, conferendo alla scena delle gallerie della città un'energia frammentaria tutta sua e fornendo una forte contronarrativa all'idea che la cultura visiva qui sia definita dal recente afflusso di New York e internazionali gallerie.

Questi spazi spaziano da appartamenti funky solo per il fine settimana a spazi più grandi con orari regolari, ma nel complesso tendono ad avere uno spirito più avventuroso. Come dice il signor Hanson, l'Home Depot-ification delle gallerie è uno dei motivi per cui gli spazi gestiti da artisti sono così importanti.

Solo l'anno scorso ha visto l'apertura di Vero Dolore Belle Arti dell'artista Peter Harkawik ​​vicino al Museo della metropolitana; mormorii , un accogliente complesso di caffè-galleria in centro fondato da Morgan Elder e Allison Littrell; e Progetti La Loma , che Kirk Nelson esegue dal suo soggiorno e garage a Pasadena, non lontano dalla galleria di due anni dell'artista Dani Tull Arca dispari . Esempi più consolidati includono Oggetti intelligenti , Garage per cinque auto , Grandi immagini L.A. , Moskowitz Bayse , Galleria Notturna , Commonwealth e Consiglio , fossa e Simpatico amico. (Gli ultimi quattro avranno uno stand a Frieze Los Angeles , la fiera d'arte in programma dal 14 al 16 febbraio, in una sezione speciale dedicata alle gallerie locali.)

Immagine

Credito...Rozette Rago per il New York Times

Immagine

Credito...Chadwick Gibson e gli oggetti intelligenti

La maggior parte di queste gallerie segue una tradizionale divisione delle vendite 50-50 con gli artisti, ma nessuna è così alta e orientata al profitto come le gallerie blue-chip ora in città.

L.A. ha una lunga storia di gallerie gestite da artisti: è qui che avvengono così tante sperimentazioni e innovazioni, ha affermato Bettina Korek, direttrice di Frieze Los Angeles. Ha definito il modello un'alternativa al solito cubo bianco e un grande promemoria che l'arte può accadere ovunque.

Amy Bessone è una pittrice e scultrice di Los Angeles con una galleria di alto profilo a New York (Salon 94), ma sostiene ancora le gallerie gestite da artisti a casa: ha avuto una mostra personale al Pit l'anno scorso e ha lavorato in una mostra collettiva a La Loma Progetti ora. Attribuisce a questi spazi la generazione di un senso di solidarietà e comunità, oltre a portare molti artisti a vedere i loro spettacoli. Anche le loro aperture sono inclusive, ha detto, complete di bambini, cani, amici di amici e talvolta tacos, meno le cene fantasiose dopo l'apertura.

Chadwick Gibson, fondatore di Smart Objects, sostiene che fare arte ti rende più in sintonia con ciò che sta succedendo nella cultura. Molte gallerie diranno di mostrare artisti nuovi o emergenti, ha aggiunto, ma se torni indietro scoprirai che hanno mostrato prima in tre spazi gestiti da artisti.

Ha aperto la sua galleria a Echo Park alla fine del 2012 appositamente per tenere una mostra del suo lavoro: schermate di interni di gallerie e musei da cui ha stampato Google Art Project , in cui la fotocamera dell'operatore viene catturata nell'immagine, un modo per rivolgere l'attenzione di Google su se stessa. Ha appena affittato più spazio accanto alla galleria con l'intenzione di trasformarla in un'a sala da ballo di giochi analogici.

Devon Oder e Adam Miller, moglie e marito fondatori del Pit,

Immagine

Credito...Rozette Rago per il New York Times

Immagine

Credito...Rozette Rago per il New York Times

si sono incontrati mentre prendevano i loro M.F.A.s all'ArtCenter. Entrambi hanno lavorato per l'artista Sterling Ruby e nel 2014 hanno aperto la galleria accanto ai loro studi a Glendale, in un ex garage di un meccanico. (La fossa dei meccanici è una caratteristica ancora visibile dello spazio.) Mostra la sua fotografia con la galleria di Portland Quattordici30 Contemporaneo , mentre espone i suoi dipinti con motivi ossessivi in ​​vari spazi locali.

Nel nostro marchio, ci piace dire che siamo uno spazio gestito da artisti, ha affermato Miller, definendo la loro attività collaborativa nello spirito di etichette discografiche gestite da musicisti come Dischord Records o Lookout Records. Producono zine per molti dei loro spettacoli (realizzando design, stampa e rilegatura internamente) e sono noti per la loro flessibilità nella programmazione.

Ricorda una grande fiera di due anni fa, quando quattro artisti su cinque non potevano rispettare la scadenza per la consegna delle opere da fotografare. Ha fornito invece opere d'arte più vecchie e ha riprogrammato le riprese. Quando accadono queste cose, invece di martellare gli artisti sulle scadenze, è più probabile che ci spostiamo e assecondiamo il processo creativo, ha detto.

Come pittrice figurativa, Emma Gray di Five Car Garage ha detto che si rende conto di quanto tempo può volerci prima che la visione di un artista arrivi - tengo la torcia per loro. Anche la sua formazione in ritrattistica all'antica alla Heatherley School of Fine Art di Londra (non era consentita l'illuminazione elettrica) la aiuta a parlare di pittura con i pittori.

Ha fondato la galleria nel 2013 dopo essersi trasferita in una casa a Santa Monica che aveva un grande garage su misura per un collezionista di auto. Ora, il garage è la galleria, con uno studio di meditazione all'interno della proprietà che usa per bagni sonori comunitari, lavoro sul respiro e spettacoli che coinvolgono i suoi artisti, come Alison Blickle (una strega praticante) e Lazaro (o L, un alchimista) . Nel suo studio accanto, la signora Gray sta attualmente lavorando a una serie di dipinti di fuoco basati sulla sua esperienza di camminata sul fuoco a Santa Fe.

Eve Fowler, co-fondatrice di seminomadic Progetti curati dall'artista , dice che l'agenzia di artisti era l'obiettivo del suo programma, iniziato nel 2008 fuori dal suo appartamento con un collega, Lucas Michael. Avevamo così tanti amici che erano buoni artisti e non facevano spettacoli. Abbiamo anche sentito che gli artisti non avevano alcun potere, ha aggiunto, così presto hanno invitato gli artisti a condividere il processo decisionale e organizzare gli spettacoli.

Immagine

Credito...Rozette Rago per il New York Times

Immagine

Credito...Rozette Rago per il New York Times

Il suo ultimo spettacolo presentava dipinti otticamente complicati di una studentessa laureata in belle arti, Kate Mosher Hall. Ma ora che l'arte queer-forward e basata sul testo della signora Fowler sta guadagnando terreno - un film recente è diretto al New Museum di New York per una proiezione - non è sicura che continuerà la galleria.

D'altro canto, alcuni artisti che hanno trovato la loro vocazione come galleristi hanno deciso di rimandare la propria carriera artistica, forse in modo permanente. Davida Nemeroff della Night Gallery, una destinazione in centro città, dice di aver smesso di lavorare nel 2016 quando il suo compagno di galleria se n'è andato e ha dovuto rilevare tutte le operazioni. Ho capito dai miei artisti quanto tempo ed energia hai bisogno di mettere nella tua pratica, e semplicemente non ce l'avevo, ha detto.

Young Chung, fondatore di Commonwealth & Council a Koreatown, ha detto di essere tornato nell'armadio come artista e di aver smesso di lavorare nel 2012, due anni dopo aver aperto lo spazio nel suo appartamento. A quel tempo, ha detto, un curatore di Getty è venuto a vedere uno dei lavori del nostro artista, ma poi la conversazione è gravitata sul mio lavoro: in quel momento, ho capito di avere un conflitto di interessi.

Ogni artista-mercante contattato per questa storia ha riconosciuto i potenziali conflitti nel destreggiarsi tra i due ruoli: quale lavoro stai veramente promuovendo? La maggior parte ha incluso il proprio lavoro in una mostra collettiva occasionale, ma ha affermato che non si sarebbe concessa una mostra personale, con la signora Gray che ha affermato che si sente ampiamente immorale oltrepassare il limite. La signora Fowler ha detto: semplicemente non pensavo che sarebbe andata bene. Pensavo che si sarebbero presentate altre opportunità, cosa che hanno fatto.

Ma il signor Gibson, che ha aperto il suo spazio per avere una sede per il suo progetto Google, ha ammesso, capisco perché le persone potrebbero pensare che sia di cattivo gusto, aggiungendo che va bene. se gli artisti che mostri sono bravi con esso.

Alcuni galleristi eludono i conflitti rifiutandosi di promuovere la propria arte. Robert Gunderman ha mostrato raramente il proprio lavoro mentre dirigeva l'influente galleria ACME con Randy Sommer per 22 anni. Ma dopo la chiusura della galleria nel 2017, il signor Gunderman si è reinventato come artista, con due sue forti mostre dipinti astratti lussureggianti organizzato dal curatore Lauri Firstenberg.

Risultò che il signor Gunderman aveva sempre dipinto in modo abbastanza coerente e discreto. Solo poche persone sapevano che avevo uno studio, ha detto. E direi loro che avevo sei gatti lì per tenerli lontani. (I visitatori di Frieze possono vedere il suo lavoro in uno spazio pop-up chiamato The Street & The Shop nel backlot dei Paramount Studios.)

Quanto a Leo Mock, meglio conosciuto come Steve Hanson, ora è impegnato a dipingere a Mérida, in Messico, dove si è recentemente trasferito con sua moglie, Tuesday Yates. Ma non ha rinunciato alla sua idea di gestire una galleria. A tal fine, la coppia sta attualmente ristrutturando parte di un vecchio deposito di autobus a Mérida. Continuando a confondere il mondo dell'arte, hanno intenzione di chiamarlo China Art Objects.


The Pit, 918 Ruberta Avenue, Glendale, da martedì a sabato

Oggetti intelligenti, 1828 Sunset Boulevard, Los Angeles, giovedì-sabato

Five Car Garage, aperto il sabato e su appuntamento, info@emmagrayhq.com.