Canticchia una canzone e Google può dirti di cosa si tratta

Ricerca Google

Ehi, conosci quella canzone che suona, duh do do de duh duh? No? Nemmeno io, ma posso garantire che i geni di Alphabet Inc. potrebbero avere la risposta alla temuta domanda del earworm perché Google sta lanciando una nuova funzionalità che ti consente di canticchiare o persino cantare la canzone che stai cercando di trovare. Potrebbe essere questa la fine di Shazam? O giocheranno bene con i loro inganni algoritmici? Cerchiamo con Google per scoprire quale melodia stanno canticchiando.

Ti piacerà anche:
Rivelati il ​​prezzo, le specifiche e la data di rilascio di Google Pixel 5
Mettiti alla prova con i Bose Sleepbuds II
Google migliora con gli auricolari Pixel Buds di seconda generazione



Google ha la risposta praticamente per tutto ciò che non ha a che fare con Amber Tiles. Ma per molto tempo, gli amanti della musica di tutto il mondo hanno cercato quella canzone che suona come da daaaa da da daaaa na naa naa ooohh yeah? O quello che inizia con quell'accordo di chitarra assassino che suona come, da na na naa? Bene, quei giorni sono finiti. Ora puoi canticchiare per cercare.

Se una canzone è bloccata nella tua testa, canticchia o cantala a Google e loro la troveranno con la funzione Cerca su: non è richiesto alcun testo, nome dell'artista o intonazione perfetta. Basta premere il pulsante del microfono nell'ultima versione dell'app Google e, proprio come qualsiasi altro comando dell'assistente intelligente, chiedere, cos'è questa canzone? e poi sta a te canticchiare o cantare il resto. Hai installato Google Nest (in precedenza Google Home) intorno a casa tua? Conosci il trapano.

Disponibile in oltre venti lingue diverse su dispositivi Android, l'algoritmo di apprendimento automatico di Google aiuta a identificare potenziali corrispondenze di brani. Ma per qualche motivo, Google non è multilingue su iPhone, con la piattaforma Apple che supporta solo l'inglese in questa fase.

La tecnologia è derivata dalla tecnologia di riconoscimento musicale del team di Google AI Research. Presentato per la prima volta su Pixel 2 nel 2017, utilizzando reti neurali profonde per portare il riconoscimento della musica a bassa potenza sui dispositivi mobili.

Ricerca Google

Ti piacerà anche:
Rivelati il ​​prezzo, le specifiche e la data di rilascio di Google Pixel 5
Mettiti alla prova con i Bose Sleepbuds II
Google migliora con gli auricolari Pixel Buds di seconda generazione