Un acquerellista che ha trasformato la sua mano in oli di visione eroica

Cerca nella storia dell'arte americana e scoprirai pochi acquerelli più belli di quelli di Charles Demuth. Combinando un'attenta osservazione botanica e un'astrazione vagamente cubista, i suoi acquerelli di fiori, frutta e verdura hanno una vivacità magica e una sensualità quasi scioccante.

Gli acquerelli erano facili per Demuth, (1883-1935), e non guastava il fatto che i collezionisti li facessero prontamente a ruba. Ma nella sua epoca gli acquerelli erano considerati una forma d'arte minore; se doveva lasciare il segno come artista moderno, credeva, doveva fare qualcosa di più difficile ?? qualcosa di più grande, più audace e dipinto ad olio.

Così negli anni '20 Demuth iniziò a dipingere ad olio e nel 1927, quando aveva 40 anni, intraprese quella che si rivelò essere la sua ultima campagna: una serie di sette dipinti su pannello raffiguranti edifici industriali nella sua città natale, Lancaster, Pennsylvania.



Sei di questi dipinti sono evidenziati in Chimneys and Towers: Late Paintings of Lancaster di Charles Demuth, una splendida mostra ben focalizzata al Whitney Museum of American Art. Non sono meravigliosi come i suoi acquerelli floreali?? alcuni di questi sono anche nello spettacolo ?? ma gli oli hanno uno splendore avvincente.

La mostra è stata organizzata dalla storica dell'arte Betsy Fahlman per l'Amon Carter Museum di Fort Worth, dove è stata allestita la scorsa estate.

Immagine

Anche se i dipinti di Lancaster non sono grandi per gli standard odierni?? il più grande misura 2 piedi e mezzo per 3 piedi ?? proiettano una scala monumentale e una visione eroica. In ciascuno la vista è verso l'alto. Enormi edifici in mattoni del XIX secolo, svettanti ciminiere cilindriche, torri d'acqua simili a razzi e un gigantesco silo di grano in cemento si stagliano contro cieli blu o grigi.

Lavorando in uno stile che venne chiamato Precisionismo, Demuth dipinse all'interno di linee a matita che aveva inciso su pannelli di fibra di legno. Oltre a definire gli oggetti in una composizione, le linee tagliano diagonalmente le immagini come raggi di luce, creando modelli cristallini sfaccettati esaltati da variazioni di colore e sfumature. La tensione tra solidità architettonica e frattura cubista in queste opere crea un dinamismo futuristico, mentre un attento esame rivela le loro superfici sontuose e satinate.

Oltre al passaggio occasionale del giallo, i colori principali utilizzati sono il rosso, il bianco e il blu. Considerando che un dipinto si chiama And the Home of the Brave e che un altro prende il titolo, After All, da una poesia di Walt Whitman, la serie può essere vista come una sorta di inno agli Stati Uniti. Era un periodo in cui i modernisti americani abbracciavano temi autoctoni e celebravano i successi americani nell'industria e nell'ingegneria.

Oggi la storia d'amore industriale di Demuth sembra più bizzarra che ispiratrice. Ma altre emozioni meno evidenti si aggiungono all'aura della serie.

Nel corso degli anni Demuth ha lavorato sui dipinti di Lancaster, ha sofferto di diabete ?? così gravemente che per lunghi periodi non fu in grado di dipingere. L'insulina iniziò ad essere utilizzata nel 1922 come rimedio per questa malattia e Demuth fu tra la prima ondata di pazienti ad essere trattati con il nuovo medicinale. (Nel suo saggio nel catalogo dello spettacolo, la signora Fahlman rivela che il dottor Albert C. Barnes, il collezionista d'arte che ha creato la Barnes Foundation fuori Filadelfia, è stato determinante nell'aiutare Demuth a ottenere le migliori cure mediche.)

Ma l'insulina non è stata sufficiente per salvare Demuth. Completò After All, l'ultimo dipinto della serie, nel 1933, e morì due anni dopo a 51 anni. Conoscere le circostanze in cui furono realizzati i dipinti di Lancaster conferisce alle loro immagini eroiche un carattere fortemente personale.

Immagine

Credito...MUSEO AMON CARTER

C'è anche il retroscena della vita di Demuth come gay nella New York bohémien, dove ha trascorso molto tempo senza mai lasciare definitivamente la casa d'infanzia a Lancaster che condivideva con sua madre.

Tra le opere più deliziose di Demuth ci sono gli agili acquerelli da cartone animato che raffigurano uomini insieme in situazioni cariche di sessualmente. Due esempi relativamente modesti sono inclusi nello spettacolo di Whitney, appesi in una stanza separata insieme ad alcuni acquerelli di fiori, un acquerello di trapezisti circensi in azione e uno straziante ritratto fotografico di un emaciato Demuth dal suo mercante di New York, Alfred Stieglitz. Come configurato dall'assistente curatoriale di Whitney Sasha Nicholas, quella piccola stanza rivela un lato tenero e personale di Demuth che rimane nascosto tra i paesaggi di fabbrica relativamente impersonali nella stanza di fronte.

Nel suo saggio, la signora Fahlman ipotizza che, nonostante gli atteggiamenti sessuali più liberali che prevalevano tra gli artisti d'avanguardia americani, Demuth potrebbe essersi sentito emarginato dal mondo dell'arte prevalentemente eterosessuale. Se è vera, questa interpretazione proietta i dipinti di Lancaster sotto un'altra luce intrigante.

Potresti leggere la serie come il tentativo di Demuth di eliminare qualsiasi stigma di effeminatezza che avrebbe potuto accompagnare la sua carriera di acquarellista e specialista di fiori. Certamente i dipinti di Lancaster rappresentano un'ambizione che i suoi critici all'epoca avrebbero considerato favorevolmente più virile.

Avendo preso in considerazione questa nozione, riconsidera quelle inconfondibili torri d'acqua e ciminiere falliche. Cosa stava pensando Demuth? Marcel Duchamp era suo buon amico; Le idee di Freud sui possibili significati degli oggetti inanimati erano nell'aria. Demuth poteva essere ignaro dell'urgenza di spinta nelle sue immagini?

Mi piace pensare che si stesse divertendo un po' con le aspettative della sua giornata, che si diceva: Vogliono quadri virili. Gli darò dei quadri virili! Quello che non poteva fare a meno di fare era renderli belli.