Yayoi Kusama sarà il fulcro di uno spettacolo itinerante del museo

Una delle installazioni di specchi infiniti di Yayoi Kusama alla David Zwirner Gallery di New York nel 2013.

È strano pensare di prendere un'installazione artistica delle dimensioni di una stanza, rivestita di specchi, progettata per essere un'esperienza estetica abbagliante e completamente autonoma e metterla sotto lo stesso tetto di altre cinque versioni dell'opera d'arte. Ma questa è l'idea al centro di un sondaggio del 2017 dell'artista ultra-pop giapponese Yayoi Kusama, che ospiterà sei delle sue stanze con specchi infinito che attireranno l'attenzione insieme a sculture, dipinti e disegni della sua carriera di sei decenni.

A partire dall'Hirshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington nel febbraio 2017, Yayoi Kusama: Infinity Mirrors è impostato per viaggiare al Seattle Art Museum e al Broad di Los Angeles quell'anno, raggiungendo l'Art Gallery of Ontario e il Cleveland Museum of Art di 2018.

I musei hanno grandi speranze di attirare grandi folle, considerando che solo una stanza dello specchio infinito può generare linee apparentemente infinite e Mi piace su Instagram . Ma la decisione di mettere insieme così tanti esempi è anche in linea con l'ethos più o più è necessario dell'artista: l'iperaccumulo di oggetti e la ripetizione incessante di immagini associate alla sua storia di allucinazioni e traumi psicologici.



I suoi motivi preferiti negli anni includono i pois, applicati ovunque, dai quadri agli abiti; forme falliche tumescenti fatte di stoffa, stile bambola di pezza e usate per coprire pavimenti o sedie come una tappezzeria bitorzoluta; e lucide sculture di zucca dipinte di giallo con macchie nere, spesso visualizzate in grandi ritagli per creare un campo di colori vertiginoso.

Le stanze degli specchi, dove i riflessi nei riflessi sembrano estendere per sempre il campo visivo, giocano con questi temi, da un esempio dei primi del 1965 (ricreato quest'anno) che fa una montagna di forme falliche a una stravaganza di zucca del 2016. Entrambi fanno parte del prossimo spettacolo, così come la appariscente sala tempestata di LED di proprietà del Broad che recentemente ha fatto da sfondo per una performance di Adele di Quando eravamo giovani. (La cantante ha detto di aver appreso dell'installazione dal feed Instagram di Katy Perry.)

Il sondaggio latinoamericano Yayoi Kusama: Infinite Obsession ha battuto tutti i record da Buenos Aires a Città del Messico. Così tanti visitatori hanno allagato i siti brasiliani nel 2014 (oltre 8.500 in media al giorno) che La signora Kusama è stata classificata come l'artista più popolare nei musei quell'anno .

Nel 2012, una retrospettiva europea del lavoro della signora Kusama è arrivata al Whitney Museum of American Art di New York, ma non ha fatto altre tappe americane.

L'artista, 87 anni, vive a Tokyo in un ospedale psichiatrico.